Se San Francesco migliora gli animi

Se San Francesco migliora gli animi

19.04.2015 - 11:04

0

Ennio Flaiano, molto tempo fa, ebbe a dire, con grande senso profetico: “L’Italia non regge più geologicamente”. Gli ultimi eventi di cronaca nazionale ci confermano questa affermazione del grande scrittore. Non so, ma mi auguro che l'Umbria sia invece geologicamente a posto o, comunque, sia fra le regioni meno a rischio. Chissà perché io sono convinto che le regioni non troppo grandi e con persone attente alla loro guida, funzionino decisamente meglio delle altre. Ed infatti è così. Ho letto, di recente, che un sindaco campano ha filmato i vigili fannulloni per poi denunciare il fatto. Va detto subito che i vigili, fannulloni o lavoratori, sono suoi dipendenti. Mi chiedo, ma i vigili, nelle città umbre, sono fannulloni o lavorano al meglio? So che nessuno mi risponderà, ma voglio credere, o sperare, che funzionino al meglio. Dico questo, perché in Italia, presto o tardi, qualcuno dovrà arrivare a dire che bisogna tornare a lavorare tutti, ma principalmente a lavorare bene quelli che hanno la fortuna di essere impiegati. Per questo ce l’ho con i fannulloni, perché non fanno niente e prendono lo stipendio. Per il resto, malgrado io cerchi, settimana dopo settimana, di scoprire qualcosa di negativo in Umbria, non riesco a trovarne leggendo le cronache che leggono tutti. Perciò, mi auguro che qualcuno me le voglia segnalare, non è detto che io poi lo scriva, ma intanto vengo a sapere qualcosa. E' vero, anni fa, ci furono storie di cronaca molto violente, ambientate proprio in Umbria e non parlo soltanto dell’omicidio di Meredith e quindi del coinvolgimento di Sollecito e di Amanda Knox e di Rudy Guede, ma di altri eventi legati, oltretutto, a minori. Però, forse, qualcuno, magari San Francesco, ha ritenuto di intervenire e l’animo delle persone è, evidentemente, migliorato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Roma, (askanews) - Il 30 giugno si celebra l'International Asteroid Day. Appuntamento voluto dalle Nazioni Unite per sensibilizzare il pubblico sui rischi derivanti da un eventuale impatto di un asteroide con l'atmosfera terrestre. Il giorno scelto non è casuale: il 30 giugno del 1908 un meteoroide di oltre 40 metri esplose sulla regione siberiana di Tunguska devastando un'area, grande come una ...

 
Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Roma, (askanews) - Il 30 giugno si celebra l'International Asteroid Day. Appuntamento voluto dalle Nazioni Unite per sensibilizzare il pubblico sui rischi derivanti da un eventuale impatto di un asteroide con l'atmosfera terrestre. Il giorno scelto non è casuale: il 30 giugno del 1908 un meteoroide di oltre 40 metri esplose sulla regione siberiana di Tunguska devastando un'area, grande come una ...

 
Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Roma, (askanews) - Il 30 giugno si celebra l'International Asteroid Day. Appuntamento voluto dalle Nazioni Unite per sensibilizzare il pubblico sui rischi derivanti da un eventuale impatto di un asteroide con l'atmosfera terrestre. Il giorno scelto non è casuale: il 30 giugno del 1908 un meteoroide di oltre 40 metri esplose sulla regione siberiana di Tunguska devastando un'area, grande come una ...

 
Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Asteroidi, sorvegliati speciali: come si pensa di evitare impatti

Roma, (askanews) - Il 30 giugno si celebra l'International Asteroid Day. Appuntamento voluto dalle Nazioni Unite per sensibilizzare il pubblico sui rischi derivanti da un eventuale impatto di un asteroide con l'atmosfera terrestre. Il giorno scelto non è casuale: il 30 giugno del 1908 un meteoroide di oltre 40 metri esplose sulla regione siberiana di Tunguska devastando un'area, grande come una ...