Radio Bau

RADIO BAU “Un amico non si abbandona”: Zucchero, Lorenzo Fragola, Arisa e le altre stelle unite contro l’abbandono dei cani.

Radio Bau

“Un amico non si abbandona”: Zucchero, Lorenzo Fragola, Arisa e le altre stelle unite contro l’abbandono dei cani.

01.08.2016 - 13:00

0

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...