La vera felicità spiegata dalla scienza

La vera felicità spiegata dalla scienza

La vera felicità spiegata dalla scienza

Fare nuove esperienze è considerato un ottimo antidoto contro l'infelicità!

13.09.2016 - 12:00

0

Cosa fate quando siete giù di morale? Molto spesso – uomini e donne – si rifugiano nello shopping. Che si tratti di un vestito o dell’ultimo...Continua a leggere su radio 105

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...