Skin: “Bowie cantò una nostra canzone: ‘Milk Is My Sugar”

Home

Skin: “Bowie cantò una nostra canzone: ‘Milk Is My Sugar”

In diretta con Max Brigante per lanciare il nuovo album “Anarchytecture”, gli Skunk Anansie hanno dato l’appuntamento ai fan italiani il 17 febbraio a Milano.

18.01.2016 - 19:30

0

Skin: “Bowie cantò una nostra canzone. E’ stata una diretta memorabile, la prima puntata del 2016 di 105 Mi Casa con Max Brigante, tornato d...Guarda il video su radio 105

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...

 
Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Goodbye Philip Roth, pensavamo che fossi immortale

Venezia (askanews) - Sembrava che l'avesse sconfitta, la morte. Sembrava che avendone scritto in maniera così lucida e definitiva, così consapevole, niente avrebbe potuto più sopraffarlo. E invece, a ben guardare, tutta la bibliografia di Philip Roth, dai racconti di "Goodbye Columbus" del 1959 fino ai tardi capolavori come "Il Teatro di Sabbath" del 1995 o "Il fantasma esce di scena" del 2007, è ...