Cerca

Coronavirus Lazio, 1.783 contagi e 32 morti: il bollettino

default_image

  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - Sono 1.783 i nuovi contagi da

"Nella Asl Roma 1 - dettaglia l'assessore - sono 415 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Ventidue casi sono ricoveri. Si registrano cinque decessi di pazienti di 72, 78, 79, 82 e 83 anni con patologie. Nella Asl Roma 2 sono 385 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Centosettantacinque sono i casi su segnalazione del medico di medicina generale. Si registrano quattro decessi di pazienti di 74, 81, 83 e 90 anni con patologie. Nella Asl Roma 3 sono 196 i casi nelle ultime 24h, isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Sette sono ricoveri. Si registra un decesso di 80 anni con patologie. Nella Asl Roma 4 sono 70 i casi nelle ultime 24h, con un decesso di un paziente di 90 anni con patologie".

Nella Asl Roma 5 sono 144 i casi nelle ultime 24h, mentre nella Asl Roma 6 sono 257. Trentaquattro casi hanno un con link con la Rsa La Teresiana ad Anzio e ventuno con Villa Doria ad Albano, sono in corso le indagini epidemiologiche. Si registra un decesso di un paziente di 79 anni con patologie.

"Nelle province si registrano 316 casi e venti decessi nelle ultime 24h. Nella Asl di Latina sono 122 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sette decessi di pazienti di 72, 79, 81, 86, 90, 91 e 98 anni con patologie. Nella Asl di Frosinone si registrano 98 nuovi casi. Si registrano cinque decessi di 45, 87, 89, 89 e 95 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo si registrano 25 nuovi casi e sette decessi di pazienti di 70, 75, 83, 84, 86, 90 e 94 anni con patologie. Nella Asl di Rieti si registrano 71 casi e un decesso di un paziente 79 anni con patologie" aggiunge D'Amato.

"Gli acquisti sotto casa aiutano a combattere il Covid evitando pericolosi assembramenti nei grandi centri commerciali - conclude D'Amato -. Si aiuta il piccolo commercio senza dare vantaggi al virus".