Cerca

Huawei Italia investe ancora in formazione e punta ai dottorati industriali

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 21 ott. (Adnkronos) - Huawei conferma in Italia il suo impegno nella formazione digitale e nelle materie Ict e Stem guardando anche ai dottorati industriali. "Il nostro progetto 'Seeds for the Future', che si appresta a ripartire, si inquadra nell'impegno di Huawei a favore delle competenze tecnologiche e in questo ambito si finanziano anche dei dottorati industriali in collaborazione con alcuni Politecnici e università italiane" sottolinea all'Adnkronos la manager di Huawei Enrica Banti, Head of Corporate Communications del colosso cinese fondato nel 1987 da Ren Zhengfei.

Huawei - che ha il suo quartier generale a Shenzhen, Guangdong - ha avviato "un progetto globale in 130 Paesi e ora riparte il programma italiano dedicato agli studenti italiani delle università italiane" scandisce la manager di Huawei che proprio oggi ha annunciato il ritorno del programma 'Seeds for the future', giunto alla ottava edizione, che ha l'obiettivo di "promuovere il merito e l'eccellenza" tra i giovani del settore Ict, focalizzandosi non solo sugli aspetti formativi ma anche "sull'applicazione concreta nel mondo industriale".

La novità di quest'anno, continua la manager di Huawei, é che il progetto "si arricchisce con Elis, il consorzio che forma le persone al lavoro per offrire a ciascuno la possibilità di costruire il proprio progetto di vita". Nell'edizione 2021 di 'Seeds for the future', inoltre, sono "fortemente coinvolte le Pmi italiane" che vogliono affrontare un percorso di digitalizzazione. "Si sono appena aperte le iscrizioni al nostro programma annuale di formazione, un programma di training, aperto a cinquanta studenti iscritti a una facoltà italiana di Ingegneria delle Telecomunicazioni, Informatica, Elettronica o ad altra facoltà Ict, che si svolgerà dall'8 al 15 novembre su una piattaforma online dedicata alla quale i giovani selezionati potranno accedere previa registrazione".