Cerca

Pa: Brunetta, 'operazione titanica semplificare controlli imprese, ci riusciremo'

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 11 mag. (Adnkronos) - I principi e i criteri direttivi della delega legislativa per riformare il settore dei controlli sulle attività produttive sono stati definiti tenendo conto delle migliori esperienze internazionali e del Regulatory Enforcement and Inspections Toolkit dell'Ocse. A dirlo è il ministro per la Pa Renato Brunetta aprendo i lavori del seminario promosso con l'Ocse sui migliori standard europei e internazionali in tema di controlli sulle attività economiche a cui partecipa anche il vice segretario generale dell'Ocse Jeffrey Schlagenhauf.

"Stiamo già lavorando ai decreti delegati, per centrare 5 obiettivi, che sono, - ha spiegato Brunetta - semplificazione e razionalizzazione degli adempimenti, rispettando il principio di proporzionalità alle esigenze di tutela degli interessi pubblici; coordinamento e programmazione dei controlli da parte delle amministrazioni, per evitare duplicazioni e sovrapposizioni; valorizzazione della collaborazione tra le amministrazioni e i soggetti controllati, anche introducendo strumenti premiali per favorire il dialogo; ricorso alla diffida o ad altri meccanismi di promozione dell'ottemperanza alla disciplina vigente; coordinamento nell'accesso alle banche dati per realizzare il principio “once only”, secondo cui le amministrazioni pubbliche non devono richiedere informazioni, atti e documenti di cui la Pa è già in possesso".

"Non si tratta affatto di eliminare i controlli, ma dell'esatto contrario" ha rimarcato il ministro - bisogna renderli più efficaci nell'effettiva tutela degli interessi pubblici. Meno vessazioni inutili, meno adempimenti formali superflui e più lotta all'evasione fiscale, più tutela della sicurezza dei lavoratori, dell'ambiente, della salute, nel rispetto dei principi dell'efficienza, dell'efficacia e della proporzionalità del rischio". "Si tratta di "un'operazione titanica che intendiamo realizzare e che va contro un malcostume molto italico" ha concluso Brunetta.