Cerca

Luxuria: "Italia si svegli su omofobia o finirà come Russia''

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 17 mag. (Adnkronos) - ''Anche oggi ci troviamo ancora a celebrare la Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia in assenza di una legge''. Così Vladimir Luxuria all'Adnkronos sottolineando che ''la politica continua a fare orecchie da mercante. Basterebbe allargare una legge tutt'ora esistente - dice - che si chiama legge Mancino e che già prevede un'aggravante per chi incita o commette atti di violenza legati alla nazionalità all'etnia e alla fede religiosa, anche all'orientamento sessuale e all'identità di genere. C'è chi ferisce con un insulto - continua l‘opinionista de 'L'Isola dei famosi' - chi colpisce con un pugno e chi discrimina con una presunzione di superiorità solo per il fatto di essere eterosessuale ma devo dire che siamo sempre di più quelli che vogliono costruire un mondo in cui a vergognarsi devono essere le persone che odiano e non chi ama sé stesso e gli altri''. Luxuria attacca poi i parlamentari che avevano detto che non volevano la legge Zan e che avrebbero subito proposto una loro legge: ''Poi invece non hanno fatto nulla - continua ironica - dimostrando che le loro erano solo scuse per non approvare il Ddl Zan. Non vorrei che sottovalutando il fenomeno si arrivasse a pericolose derive''.

Luxuria mette quindi in guardia il Parlamento italiano e la società italiana dalle pericolose derive di altri paesi come la Russia di Putin: ''Non è esattamente il mio modello - dice - lì esiste una legge che ha voluto Putin che sia chiama 'Legge contro la propaganda'. L'assioma è che se tu parli di omosessualità in un contesto in cui potenzialmente ci può essere un minorenne, anche in una piazza pubblica, incoraggi la propaganda. Insomma, è come se parlando di omosessualità tu trasformi un etero in gay. Purtroppo - continua Luxuria - questo è un pensiero che non appartiene solo a Putin ma anche a tanti suoi fan e dimostra che gli omofobi sono pericolosi quando stanno al potere. Vorrei ricordare che Putin - conclude - è lo stesso che diceva di difendere la famiglia tradizionale e che poi è quello ha ordinato di bombardare il reparto di maternità in Ucraina''.

(di Alisa Toaff)