Cerca

Serbia battuta 3-1, Italvolley in finale agli Europei

  • a
  • a
  • a

KATOWICE (POLONIA) (ITALPRESS) – L’Italia è in finale agli Europei di volley. A Katowice, gli azzurri di De Giorgi hanno superato in semifinale i campioni uscenti della Serbia per 3-1. I parziali: 29-27, 25-22, 23-25, 25-18. Giannelli e compagni sfideranno domani per il titolo la Slovenia, che nella prima semifinale ha sconfitto la Polonia per 3-1. Un Podrascanin ispirato e qualche incertezza difensiva dell’Italia sembrano lanciare una Serbia che approccia con cattiveria e precisione, portandosi fino all’8-4. Uno scarto che però non intimidisce gli azzurri, che alzano il muro e firmano un parzialino di 5-0 con il primo vantaggio (9-8). Si va avanti gomito a gomito fino al 19-17 azzurro firmato Pinelli, che scuote la Serbia, autrice di un 4-0 che sembra ribaltare ancora il destino del primo parziale. Il sestetto di Kovac guadagna un set point (24-23), l’Italia stringe i denti e ne accumula quattro prima di chiudere 29-27 con un errore di Jovovic. Il secondo round sembra ricalcare il primo, con la Serbia che tenta la fuga (5-3, 7-5, 9-7) e l’Italia che resta in scia provando anche ad allungare sul +3 (12-9 con due muri di Anzani e la mano calda di Michieletto). Kovacevic e soci recuperano ma non arrivano nemmeno a ‘spintarè perchè Galassi e un ace di Pinali regalano a De Giorgi set (25-22) e il 2-0. Sembra fatta la Serbia, per carattere e qualità, non molla e tiene la barra dritta in un terzo set che vede gli azzurri faticare un pò ma restare incollati, sino al 25-23 che premia i campioni uscenti. Che però, nel quarto parziale, restano quasi di stucco contro una Nazionale che ingrana la quinta per non essere più ripresa: 14-6, 17-11, con una ricezione che funziona e un attacco dalle percentuali altissime. Insomma, l’Italvolley non ha il ‘braccettò e chiude 25-18, per un 3-1 complessivo che vuol dire finale contro la Slovenia di Giuliani, già battuta dagli azzurri nel girone ma capace di fare lo sgambetto ai campioni del mondo polacchi.
(ITALPRESS).